Caratteristiche
   
        Disegni Tecnici
   
        Filmato
   
        Contatti
   
        Annaffiatoio
   


    ARIGLASS UNA REALTA CHE SEMBRAVA IMPOSSIBILE

E' incredibile ma con un semplice gesto, ad esempio con un telecomando, oppure con un interruttore, possiamo decidere l'intensità cromatica di un vetro partendo dalla trasparenza fino ad arrivare alla totale schermatura.

Il trovato può essere anche proggettato per colorarsi, oppure per arrivare al satinato, ad esempio in un ufficio diviso con una vetrata trasparente, quando si desidera o esigiamo avere un pò di privacy ma (nel caso del satinato) senza rinunciare alla luce.

Immaginiamo ancora la facciata di una casa la cui camera da letto riceve il sole dal primo mattino .E gradevole, ma fino ad un certo punto; è possibile cosi decidere la luce che desideriamo, tramite un telecomando.

é facile intuire l'inmenso campo di applicazione che questa invenzione può avere, facciate continue, infissi di casa, autotrazione : automobili , camper , autocarri, nonche aerei e mezzi navali, ed ovunque occorra modificare, celermente ma gradualmente ed in modo reversibile, la trasparenza e/o la colorazione di vetrate e di qualsiasi altra superfice trasparente, semi-trasparente e traslucida, fino alla schermatura totale della luce.

Questa idea anche se molto economica già di partenza, puo eliminare costi inutili come ad esempio: scuroni, tapparelle, tende da sole.

Il brevetto è stato ideato, progettato e messo in pratica con un prototipo da Iannizzotto Oscar Ariel.

Il principio utilizzato è quello del fisico e filosofo Blaise Pascal (1623-1662) "in un fluido incompressibile in equilibrio, le pressioni si trasmettono integralmente in tutte le direzioni in quanto se in un punto della massa fluida si aumenta la pressione di una data quantità,la pressione aumenta della stessa quantità in tutti gli altri punti".

Il modo più semplice per capire il funzionamento è la variante qui a fianco (una delle tante).Nella figura 2 vediamo due vetri accostati reciprocamente 1 e 2 in assoluta aderenza, il vetro 1 è fisso ed incollato al telaio 3, il vetro 2 è fissato ed incollato alla guarnizione flessibile 4 la quale è fissata al telaio 3, nella figura 1 vediamo il tutto, che mediante un sottile tubo 8 è collegato ad una pompa elettrica 9 che preleva il liquido necessario dal serbatoio 10 ; quindi mettendo in funzione la pompa (mandata) osserviamo nella figura 4 , il riempimento dell'intercapedine dei due vetri (1-2) colorando uniformemente tutta la superficie.

Ed è qui che troviamo l'importanza del principio perchè, come citato sopra, il liquido penetra uniformemente da tutti i punti perimetrali , e l'aria allinterno di tutto il circuito non è presente.Per cui se la parola liquido non viene nominata al testimone del procedimento in atto, non arriverà mai a capire il funzionamento.

é incredibile ma è vero.Per questo è a vostra disposizione un filmato.

Per ulteriori raguagli, se siete interessati e avete qualche dubbio, contattateci.

   








 

© 2005, Ariglass® è un BREVETTO REGISTRATO da Iannizzotto Oscar Ariel +39.329.7840536 - E-Mail: info@ariglass.it

Una produzione Luxor srl